Istanbul…benvenuti tra Asia ed Europa

Questo slideshow richiede JavaScript.

Più di 12 milioni di abitanti, 5.500 kilometri quadrati di superficie, capitale di uno dei più grandi imperi della storia, metropoli tra due continenti, tra due culture, tra passato e futuro, tra est e ovest…Istanbul è certamente una città che stupisce…

Decidiamo che la prossima capitale da visitare sarà Istanbul una domenica a pranzo dai miei genitori, mentre mio padre ci racconta della sua esperienza come medico militare in una esercitazione della NATO nei pressi della città…

Il volo lo prenotiamo con partenza da Torino, compagnia Turkish Airlines (dal 28 maggio saranno disponibili nuovi voli, diretto nel cuore della città, all’aeroporto di Ataturk, a pochi kilometri dal centro. Con 125€ abbiamo andata e ritorno, con tanto di pranzo, snack e bibite a bordo gratis, sedili comodi e relax garantito!

L’hotel  è invece l’Ocean 7, posizione centralissima, a 500 metri dalla piazza su cui si affacciano la Moschea Blu e Santa Sofia…il quartiere è quello di Sultanhamet, quartiere storico dove si respira la cultura del luogo, la sua storia e le sue tradizioni ..certo se siete abituati a colazioni abbondanti vi aspettano qualche biscottino come dolce e il minimo indispensabile per un sandwich, se preferite stanze comode e pareti spesse sappiate che vi troverete a dovervi alternare con il vostro compagno di viaggio per aprire la porta del bagno e che sentirete la sveglia del vicino…ma per un weekend come il nostro è più che consigliato, anche perché il proprietario è gentile e simpatico!

Prima di partire vi consiglio di cambiare un po’ di soldi in banca perchè con il cambio è facile farsi fregare all’estero (non è detto che non lo sia in Italia, ma dal bancaio di fiducia magari è meglio!) Ecco tutto ciò che abbiamo fatto da quando siamo arrivati; è una buona tabella di marcia se avete più o meno 3 giorni per visitarla:

SABATO 17 MARZO

  • Arrivo all’aeroporto, per pigrizia, lo devo ammettere, abbiamo preso un taxi, 30 lire  (10-15€) e arriviamo hotel; recupero di guide, cartine e itinerari alla reception e via…
  • E’ quasi sera, quindi ci limitiamo a fare una passeggiata in centro, dove ammiriamo
  1. L’Ippodromo, ovvero il Circo Massimo, dove si possono ammirare:  l’Obelisco di Teodosio, fatto arrivare qui da Alessandria d’Egitto, sul quale sono incise le vittorie del faraone Tutmosis III che risale al 1500 a.C.; la Colonna Serpentina, fatta portare da Costantino I, che anticamente aveva al di sopra tre teste di serpenti intrecciati lungo tutto il monumento, ormai andate perdute (rimane solo una mascella di uno dei serpenti esposta al Museo Archeologico di Istanbul); la Colonna di Porfirio di Costantino, colonna di pietra alta 32m, dalla storia incerta. Infine la splendida Fontana Tedesca
  2. Passeggiata tra la Moschea Blu, la Basilica di Santa Sofia, il centro antico illuminato. Abbiamo mangiato vicino in un pub vicino alla Basilica ma ne troverete tantissimi!

DOMENICA  18 MARZO

  • Il mattino andiamo a visitare la Moschea Blu e la Basilica di Santa Sofia (un po’ di coda vi tocca farla!). Per entrare nella Moschea Blu, storicamente chiamata Moschea di Sultanhamet, come nelle altre moschee, vi chiederanno di togliere le scarpe e di metterle in una busta che vi forniscono loro, potete però portarvele dietro! Il suo interno è magico, come magico è il senso di immensità, di grandezza che trasmette…il nome deriva dalle decorazioni interne, di maioliche blu. Santa Sofia, dedicata alla Sapienza, nasce come basilica cristiana; la prima fu costruita sotto l’imperatore Costantino I, ma fu sotto Giustiniano II che acquisì tutto il suo splendore. Quando Costantinopoli cadde, la chiesa fu trasformata in moschea, pertanto vedrete comparire i tipici minareti, anche se all’interno, gli antichi mosaici romani non sono stati toccati.
  • Verso l’ora di pranzo ci dirigiamo verso il porto e veniamo assaliti da mille inviti a salpare verso lo stretto del Bosforo..ci facciamo convincere da uno dei tanti, ci mettono in un pulmino e ci portano lontano dal porto principale…ecco se potete arrivate al porto grande e scegliete in base al battello oltre che al prezzo perchè la nostra era in condizioni tremende! Bellissima questa minicrociera, ammiriamo Istanbul con i suoi mille minareti che brillano al sole, il palazzo del sultano, così grande che dentro ci vivevano 6000 persone, il ponte sul Bosforo, il Mar di Marmara
  • Stravolti dall’avventura sulla nave sgangherata optiamo per una passeggiata sul lungomare, per poi inoltrarci nei vicoli tortuosi pieni di negozietti con argento, oro, incenso, vestiti coloratissimi e abiti da sposa (!). Ci fermiamo a visitare la Cisterna vicino Santa Sofia, merita entrarci perché è un’immensa galleria sotterranea con 336 colonne con capitelli tutti diversi.
  • Infine tappa al Gran Bazar, la mia felicità, c’è di tutto, davvero di tutto, anche se per cogliere l’essenza bisogna andare un po’ fuori dal centro del mercato, ormai globalizzato (ogni negozietto vende le stesse cose!)
  • Per finire cena sul Ponte di Galata, ottimo pesce e vista mozzafiato

LUNEDI’ 19 MARZO

  • Prima tappa il Palazzo di Topkapi, palazzo del sultano, immenso, davvero immenso…In realtà è formato da più cortili interni su cui si affacciano gli appartamenti reali, le sale dedicate ai riti, alle preghiere, la biblioteca; sale meravigliose sono quella del tesoro, dov’è custodito uno dei diamanti più grandi del mondo e la sala delle reliquie, dove si trovano appunto reliquie attribuite a Maometto. resterete affascinati dalla vista panoramica che si ha affacciandosi sui terrazzi, dal bagliore delle decorazioni dorate, dai disegni formati dalle maioliche blu…in una cornice di prati verdi, alberi secolari e fiori rari…
  • Percorriamo la strada principale di Istanbul, (Divanyolu, poi Yeniceriler Caddesi), e così vediamo
  1. La Colonna di Costantino
  2. L’Università turca
  3. La Moschea di Beyazit, dove ci troviamo nel mezzo di un matrimonio, quindi non possiamo entrare all’interno
  4. Appena dietro l’università, abbandonando la strada principale, troviamo il meraviglioso Acquedotto di Bozdogan (o di Valente). E’ una delle cose che mi ha stupito di più, sembra che qualcuno l’abbia inserito dall’alto, quasi per dispetto, in mezzo alla strada…sembra lunghissimo e infatti originariamente lo era (971 metri)
  5. Lì vicino troviamo altre due moschee, Suleymanye Cami e la bellissima Moschea di Faith…ci colpiscono gli uomini che svolgono il loro rito di preghiera, le donne che li aspettano fuori, coperte dalla testa ai piedi, oppure in una stanza dedicata all’interno delle moschee.
  6. Qualche foto e verso le 6 del pomeriggio andiamo a scoprire l’altro lato della città; completamente diverso, il ponte di Galata fa da ponte tra due culture diverse, tra storia e presente. Si nota subito la differenza, a parte dai negozi di grandi firme, dall’abbigliamento e dal comportamento delle ragazze, molto più occidentali! Saliamo sulla Torre di Galata, che ci regala un altro punto strategico da cui osservare l’immensa metropoli ed il suo mare…ci spingiamo sino alla Piazza di Taksim, con il suo Monumento della Repubblica. Prendiamo dunque la metro e torniamo nel quartiere di Sulthanamet.
  7. Mangiamo cena nel colorato, non profumato, mercato del pesce…è una zona più distante dal centro, sulla strada che porta all’aeroporto, dove di giorno si svolge il mercato del pesce e la sera aprono i ristoranti di fianco ai banchi, proponendoti il pesce pescato di giornata…Buonissimo!

Torniamo in albergo…la mattina dopo ci alziamo e si parte per l’aeroporto…

Cosa avremmo voluto ancora visitare:

  • I Musei Archeologici di Istanbul e il Museo di Arte Turca
  • Il Palazzo di Dolmabahce, dove morì il primo presidente della Repubblica Turca, Ataturk
  • la Fortezza di Felemi
  • La Moschea e il Museo di Fethiye

Io non ho avuto tempo per visitarle, raccontatemi voi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...